Anche una bambina può cambiare il mondo

L’ INCREDIBILE STORIA VERA DELLA “principessa” MALALA!

Se vi sentite tristi e scoraggiati dagli eventi e avete bisogno di qualcosa che vi faccia ancora sperare, leggete questo libro.
L’ho trovato per caso in una libreria (troppo bella per uscire senza aver comprato niente)…
Si chiama: “Io sono Malala” di Malala Yousafzai, scritto con Christina Lamb, di Garzanti.
Si legge in poche ore e quando finisce manca già.

file000163784908E’ una storia vera di una ragazza vera in un mondo vero.
Malala, un’ adolescente pakistana, racconta la sua vita incredibile, la sua lotta per riuscire a studiare, la sua quasi morte e il suo sogno in parte divenuto già realtà.
E’ una botta di vita  e di speranza che spiazza l’atmosfera di “crisi” del nostro occidente e fa pensare. Davvero.

“Spesso noi esseri umani non ci rendiamo conto di quanto Dio sia grande. Lui ci ha dato un cervello OLYMPUS DIGITAL CAMERA straordinario e un cuore sensibile e capace d’amore. Ci ha benedetto donandoci due labbra con cui parlare ed esprimere i nostri sentimenti, due occhi con cui ammirare un mondo di colori e di bellezza, due piedi con cui percorrere le strade della vita, due mani che lavorano per noi, un naso capace di cogliere i profumi e due orecchie con cui sentire parole d’amore… La pace in ogni casa, in ogni strada, in ogni villaggio, in ogni nazione – questo è il mio sogno. L’istruzione per ogni bambino e bambina del mondo. Sedermi a scuola e leggere libri insieme a tutte le mie amiche è un mio diritto. Vedere ogni essere umano sorridere di felicità è il mio desiderio…Io sono Malala. Il mio mondo è cambiato, ma io no”

Malala Yousafzai ha 11 anni quando comincia a raccontare la sua vita su un blog in urdu della BBC sotto i talebani. Vive in Pakistan e una mattina mentre torna da scuola sull’autobus viene colpita in volto da tre proiettili sparati da un uomo misterioso. Ma Malala non muore e la sua guarigione, accompagnata da un’instancabile testimonianza di coraggio e determinazione, diventano il simbolo universale della parola delle donne a favore di un’istruzione per tutti, bambini e bambine nel mondo.

Prima di salutarvi due notizie a proposito, una seria e una divertente.

La prima.
Esiste un’organizzazione no profit nata proprio da un’idea di Malala che si chiama Malala Fund e raccoglie fondi da dedicare a progetti educativi in tutto il mondo. Il concetto su cui pone le proprie radici è questo: ogni bambina, come ogni bambino, ha la capacità di cambiare il mondo a patto che le venga data una chance. www.malalafund.org   www.facebook/MalalaFund twitter.com /MalalaFund

file0001409926999La seconda.
Malala ha vestito i panni di una principessa Disney nel meraviglioso progetto di David Trumble, eccentrico artista che ha ideato una nuova collezione delle più famose principesse dei cartoni animati. Anna Frank, Hillary Clinton, Marie Curie e molte altre donne eroine del tempo reale vestono i fatati panni delle tanto amate paladine dei classici Disney. E tra loro ecco Princess Malala Yousafzai (Defiant Princess) in splendenti abiti stile Jasmine!
http://www.womenyoushouldknow.net/flatten-heroine-artist-puts-disney-princess-filter-10-real-life-female-role-models/

Un mondo di colori, speranza e coraggio alleggeriscono l’ammasso di rovi problematici che appesantiscono il mondo. Dicono che la speranza sia l’ultima a morire. Concordo e concludo. Buona fortuna al nostro piccolo e promettente mondo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...